In memoria di Ennio

Con incommensurabile dolore, rendiamo partecipe la comunità scientifica della scomparsa repentina e inattesa di Ennio Carbone, avvenuta lo scorso 3 Marzo. Avvicinatosi al mondo complesso e affascinante dell’Immunologia negli anni 80, a Napoli, nel laboratorio di Serafino Zappacosta, Ennio ne ha subito il fascino sottile, acquisendo non solo le competenze scientifiche e culturali indispensabili a coltivare il gusto della ricerca multidisciplinare, ma soprattutto una particolare passione alla condivisione scientifica e culturale, caratteristica che lo accompagnerà durante tutta la sua intensa e vivacissima attività professionale. Laureatosi nel 1987 in Medicina e Chirurgia alla Universita’ Federico II di Napoli, è durante la preparazione della sua tesi sperimentale in Immunologia che effettua pioneristiche osservazioni relative alla correlazione inversa tra espressone di molecole del Sistema Maggiore di Istocompatibilità e suscettibilità ad effettori immunitari NK. L’approfondimento di questo affascinante ambito sperimentale lo conduce al Karolinska Institute di Stoccolma, nel laboratorio di Eva e George Klein, dove inizia un sodalizio scientifico e personale particolarmente fertile e stimolante con Klas Kärre, autore della "the missing self hypothesis", che l’accompagnerà per tutta la vita.  Adjunct Professorpresso il Department of Microbiology, Tumor and Cell Biology (MTC) del Karolinska Institute di Stoccolma, dal 2010 è Ordinario di Patologia Generale presso l'Università degli Studi "Magna Græcia" di Catanzaro, dove organizza e dirige il Laboratorio di Immunologia dei Tumori e Immunopatologia, al centro di una complessa e fruttuosa rete di collaborazioni nazionali e internazionali che lo coinvolgono in maniera diretta e determinante. Il suo è uno strenuo impegno per la promozione di un’attività di ricerca di livello internazionale, ma soprattutto per generare e coltivare un nucleo di interazioni volto ad offrire alla platea studentesca calabrese, penalizzata da ataviche condizioni di isolamento, una didattica vivacissima di livello internazionale, che si è concretizzata nella realizzazione del prestigioso International Experimental Immunology PhD program, co-gestito con il Karolinska Institute di Stoccolma. Membro del Consiglio Direttivo della SIICA, Ennio Carbone è stato componente dell'Editorial Board di prestigiose riviste internazionali ed ha offerto, in qualità di referee, il suo contributo a diversi Enti ed Agenzie di Ricerca Nazionali ed Internazionali. Mentore di numerosi dottorandi e ricercatori, Ennio, da sempre strenuamente impegnato nella realizzazione di numerosi eventi scientifici di livello internazionale, ha perseguito con estrema dedizione e appassionato impegno personale il progetto internazionale di formazione continua in Immunologia proposto dalla Scuola Superiore di Immunologia Ruggero Ceppellini, di cui è diventato Presidente lo scorso dicembre. La sua attività, bruscamente interrotta dalla precoce scomparsa, non ha potuto concretizzarsi nella nuova sede dell’Ateneo Vanvitelliano, cui era stato di recente affiliato. La sua vivacità intellettuale, la sua dedizione appassionata alla ricerca e alla formazione in Immunologia lasciano un vuoto incolmabile in ciascuno di noi.    Il consiglio direttivo SIICA